Elba un’isola da scoprire tra moda, arte e mare

elba un'isola da scoprire

Elba un’isola da scoprire e oggi ti sveliamo tendenze, novità e curiosità del posto del cuore di Irene, sei pronta a partire di nuovo?

Elba un’isola da scoprire insieme a Irene che è andata per noi in missione super speciale…

E sulla falsariga della mitica intervista a Cannes, ci facciamo raccontare dalla mamma di Cristina come è cambiata nel tempo l’isola.

Pronta?

L’isola d’Elba, perla del nostro Tirreno, ha saputo mantenere inalterata nel tempo la sua natura, rinunciando al turismo di massa e conservando intatto il verde ed il mare.

Elba un’isola da scoprire

Elba un’isola da scoprire

Vai Irene, veniamo tutte con te!!

Per raccontarti dello stile dell’Elba mi sono rivolta a un’amica che ha deciso di lasciare Milano e vivere qui.

Cristina Sammarco, pittrice, vive a Portoferraio, dove dipinge e insegna, oltre a far mille altre cose legate all’arte e all’insegnamento. In agosto le sue opere realizzate per il progetto “Mediterraneo” saranno esposte nella Sala Telemaco Signorini di Portoferraio.

Elba un’isola da scoprire

Cristina è innamorata dell’isola dalla tenera età di… “8 mesi” in cui trascorreva le lunghe estati con la famiglia nella sua casa vicino a Marciana Marina.

Com’era l’isola d’Elba negli anni ’70?

Lo chiedo a Marisa, la mamma di Cristina, francese d’origine trapiantata a Milano, frequentatrice dell’isola fin dai primi anni ’70.

Nei suoi ricordi di gioventù, afferma Marisa, l’Elba “era un’isola con meno turisti, veri amanti della Natura. Era più difficile da raggiungere di ora, perché c’erano pochi traghetti, la Navarma. A volte toccava dormire sulla banchina del porto.

Mi ricordo le gite a piedi alla ricerca d’insenature e calette, dove fare il bagno e il pic-nic.

A volte passavamo giornate intere a pescare al bollentino dalla barca oppure a fare sub all’Enfola. Qui si trovavano ostriche, cozze e ricci di mare. Il pescato lo cucinavamo sulla spiaggia con la mitica “pizza-matic”.

In alcune notti di calma piatta, ci immergevamo sott’acqua con una torcia subacquea. Da lì ammiravamo i pesci e le aragoste che dormivano in mezzo alle alghe e negli anfratti degli scogli”.

Elba un’isola da scoprire PalmaiolaElba un’ isola da scoprire Volterraioelba un'isola da scoprire Rio MarinaElba un’ isola da scoprire Portoferraio

Elba un’isola da scoprire

Come sono cambiati oggi, rispetto al passato, lo stile e la moda all’Elba?

Marisa risponde così: “La moda è cambiata nei gusti e nelle tradizioni. Ora è più sportiva e meno impegnativa, con dei materiali più all’avanguardia. Anche l’Elba risente di questo cambiamento e ora i turisti usano un abbigliamento confortevole, privilegiando la praticità al lusso.

Era un modo diverso di vivere il mare, più semplice e a contatto con la Natura. Ci si divertiva, ma gli orari erano diversi, iniziava tutto prima e la mattina si viveva il mare.

A fine giornata, verso sera si andava dal polpaio a Portoferraio, un antesignano dell’odierno aperitivo. Il venerdì sera, a Marciana Marina, in fondo al porto, dove c’è l’attuale Capo Nord, si ballava la musica degli anni Sessanta a bordo spiaggia.

La notte, invece, si andava a ballare al club ’64 e al Norman’s oppure al Rodeo.

Verso l’una/le due, era di moda andare a mangiare delle (orribili) penne fatte con peperoni in scatola e panna, all’Alberone da Bruce.

Se invece, ci si voleva trattare bene. si poteva mangiare al braciere di Giorgio e Marcello a Portoferraio. Un posto aperto fino a tardi.

Cosa fare all’Isola d’Elba

La mattina invece si poteva fare colazione dalla “bionda”, un bar che esiste ancora.

Il mare dettava il ritmo di quella vita, è indimenticabile il ricordo delle sardinate alla griglia in spiaggia.

Negli anni Sessanta e Settanta, la moda era quella dominante, con bikini in spiaggia o poi la sera jeans a zampa d’elefante e maglietta o minigonne, oppure tute corte e lunghe a palazzo. Non potevano mancare i vestiti a trapezio con disegni geometrici, nello stile di Brigitte Bardot”.

Elba un’ isola da scoprire Lo scogliettoElba un’isola da scoprire la Biodola

Isola d’Elba da scoprire

E parlando di moda all’Elba oggi, mi rivolgo nuovamente a Cristina che conosce bene le tendenze del posto:

“Oggi direi che si inizia ad affermare una propria identità culturale, con esperimenti, più o meno recenti di artigianato e design locale.

Penso ad aziende già affermate come Dampaì, Acqua dell’Elba o Locman, che hanno saputo iniziare e continuare la loro avventura di successo da qui.

Questo ha avuto sicuramente delle influenze positive sul contesto sociale e imprenditoriale. Le persone hanno iniziato a “crederci” con orgoglio elbano e a loro volta ad investire nel territorio.

In generale però secondo me il bello dell’Elba è la varietà, il fatto che non ci siano schemi o mode dominanti, così come in Sardegna o a Portofino; in questo senso l’isola ha preservato il suo animo selvaggio e autentico.

Ne deriva un melting pot di stili, di cui sicuramente è ancora il turista a indossare l’estetica marinara.

Perché quando al mare ci vivi tutti i giorni e sei immerso nella sua luce, in un certo senso questo basta a se stessa.

Hai più probabilità di vedere una turista su una barca in porto, vestita a righe bianche e blu. Magari con un pantalone a pinocchietto e scarpe ballerine, piuttosto che un’elbana.

Questo per dire che all’Elba c’è una moda-non moda, aderente all’estetica personale e soprattutto libera”.

Elba un’isola da scoprire anche coi bambini!

Cristina collabora anche col Parco Arcipelago Toscano, che organizza numerose iniziative sia in natura sia ricreative.

“L’anno scorso ho avuto l’occasione di fare un corso di acquerello per bambini: si trattava di creare un erbario, partendo dalla vegetazione circostante il Forte Inglese.

I bimbi sono stati meravigliosi, sempre entusiasti e attenti, hanno creato delle vere opere d’arte!”

Elba un’isola da scoprire Cristina Sammarco artistElba un'isola da scoprire Cristina Sammarco artistElba un'isola da scoprire workshop CristinaSammarco

L’Isola d’Elba

E io che ho portato entrambi i miei bambini al laboratorio di Cristina, posso solo dire che sono rimasti incantati da lei e dal suo metodo. E’ riuscita a trasmettere tutto il suo entusiasmo a bambini di varie età, dai 4 ai 12 anni, tenendoli incollati ad un tavolo per ore a sperimentare, dipingere e creare un meraviglioso erbario.

Un’altra attrazione è sicuramente l’Acquario Marina 2000…. la piccola miniera a Porto Azzurro, la visita al relitto di Pomonte. Un’escursione a Pianosa, la cabinovia per raggiungere la vetta del Monte Capanne, un trekking al castello del Volterraio…

Chiedo a Cristina come passa il suo tempo libero sull’isola e lei, col suo bel sorriso, mi risponde: “Io amo l’entroterra elbano, che considero affascinante quanto il mare.

Per rilassarmi faccio, quando mi è possibile, delle camminate in mezzo alla natura. Potrei starci per ore e non esiste stagione senza i suoi profumi e colori. Sono particolarmente affezionata al sentiero che porta a S.Cerbone, per me ha qualcosa di magico.

Per quanto riguarda il mare, prediligo le calette rocciose alle spiagge sabbiose, dalle parti di Marciana Marina, tra le Sprizze e Sant’Andrea.

Se proprio mi voglio rilassare sulla sabbia, allora vado alla spiaggia della Guardiola, dove da Maggio in poi c’è un baracchino che sforna primi piatti di mare strepitosi!”

Ogni posto citato da Cristina e Marisa val bene una visita, come tutta l’isola del resto!

Elba un’isola da scoprire anche per i negozi!

A proposito di shopping, se passi dall’Elba non puoi fare a meno di entrare in uno dei meravigliosi negozi dell’Acqua dell’Elba.

Per i bambini c’è una linea di prodotti specifici: bagno doccia, crema corpo e profumo, così come il telo mare nel classico colore turchese che contraddistingue il brand.

Elba un'isola da scoprire Spugna acqua dell'ElbaElba un'isola da scoprire Acqua dell'Elba linea bimbiElba un'isola da scoprire Profumo bimbiElba Isola da scoprire box bimbo

Elba un’isola da scoprire

Tra i negozi più caratteristici e che meritano una visita, c’è Sud, a Capoliveri, dove puoi trovare abbigliamento e accessori come costumi, borse e collanine colorate che fanno subito estate!

ELba, isola da scoprire portamonete fish SUDElba un'isola da scoprire SUD CapoliveriElba, isola da scoprire bustina SUD

Shopping all’Isola d’Elba

Sottocoperta a Procchio ha un po’ di tutto: tra oggetti per la casa e linea cosmetica per tutta la famiglia, puoi trovare tutine per bebè e abiti estivi per maschi e femmine fantasiosi.

A Marciana Marina la boutique di Martina Tagliaferro vende abiti e ballerine disegnate dalla proprietaria, prodotte in toscana.

Da qualche anno c’è anche una versione mini me, uguali a quelle della mamma!

Elba un'isola da scoprire MT1Elba, isola da scoprire MT2

A proposito di shopping per le mamme, a Portoferraio ha appena aperto “Gli isolani”, negozio di abbigliamento donna.

La proprietaria e designer, Alessia, interpreta lo stile dell’isola, vestito di femminilità, leggerezza e trasparenza. Capi realizzati in pregiato cotone con la cura dei dettagli propria del vero MADE IN ITALY, combinabili tra loro per semplificare la vita di mare!

Elba un'isola da scoprire gli isolani 3Elba un' isola da scoprire gli isolani 2

Ci sarebbero mille altre cose da dire su quest’isola magica. Dai tramonti più belli alle calette nascoste e raggiungibili solo dal mare.

Ti è venuta voglia di andarci? a me sì… ci vediamo là!

Pics from google and me!

Elba un' isola da scoprire Volterraio

Alla prossima.

1 Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.