Street Gang e i colori di moda adatti ai bambini maschi

Street Gang e la moda per bambini

Street Gang e una moda per i bambini maschi che è colorata, divertente e alla ricerca di qualcosa di originale e particolare.

Oggi vediamo come vestire un bambino maschio con semplicità, ma con uno stile che solo Street Gang riesce a presentarci. Oggi andiamo in giro con Giorgio e lui saprà farci entrare a fondo nei colori più intensi.

Andiamo.

Dopo aver conosciuto e amato il nostro Santiago e aver visto, con lui, come vestire un maschio con stile, oggi girovaghiamo per le vie di Burano insieme al nostro favoloso amico Giorgio.

Come vestire un maschio con stile: Ronnie Kay e Santiago

Se leggi questo blog di moda per bambini già da un pò, saprai che Giorgio è davvero un nostro amico speciale. Riccardo ed io lo conosciamo da un pò e, ogni volta, è un onore poter condividere del tempo con lui e poter imparare qualcosa dal suo modo di fare.

Quando abbiamo visto come vestire i bambini in inverno per una festa, abbiamo imparato da lui la forza e la bellezza.

A Burano, insieme agli altri bambini, Giorgio ci ha fatto vedere qualcosa in più.

Street Gang e la moda per bambini

Street Gang e la moda bambini

Giorgio ci ha insegnato l’educazione, la voglia di vedere il mondo con semplicità, senza eccedere mai, scoprendone un pezzo per volta, un angolo dopo l’altro.

Giorgio non è mai esagerato, non cerca di inghiottirsi la vita, la guarda prima. Lui la guarda e decide, poi, quella che ha voglia di riportarsi a casa.

E, quando lo fa, è l’eleganza, la raffinatezza, la calma e la voglia di respirare piano che esce da lui. E tu che sei lì, non puoi che fermarti con lui e lasciarti riempire di pace e di tranquillità.

Giorgio è speciale, e non basterebbero sei pagine per fartelo conoscere un pò meglio. Giorgio va incontrato. Più di una volta. Giorgio va capito. Giorgio non si lascia scoprire subito, ma fa in modo che ti rimanga il desiderio di vedere chi c’è dietro quegli occhi senza fondo.

Grazie anche per stavolta Giorgio.

Street Gang e la moda per bambini

Street Gang e i bambini

Giorgio si è innamorato subito di questa felpa. Appena l’ha vista ha deciso che sarebbe stato il suo capo preferito per affrontare l’inverno.

Questa felpa di Street Gang, infatti, è il massimo del trendy e sarà davvero uno dei capi preferito nell’armadio del tuo bambino maschio.

E’ super leggera, si indossa facilmente, il materiale tecnico la rende confortevole e decisamente adatta a tutti i giorni.

Il rosso è un colore, poi, che io ti consiglio vivamente anche per il tuo maschietto perché, non solo è di gran moda, ma permetterà tantissimi tipi di abbinamenti.

Il colore rosso va benissimo con il bianco e con il nero. E’ bellissimo con il blu, è super trendy con il rosa, ma solo se il tuo bambino sarà d’accordo. Il rosso è di gran moda con il beige. Il rosso, infine, è perfetto con il denim.

Street Gang e la moda per bambini

Street Gang e la moda per bambini

La moda bambini e il rosso

La felpa, grazie alla scritta davanti che richiama decisamente gli anni ottanta, sarà l’ideale per la scuola, da far vedere ai compagni, per un pomeriggio fuori, per un viaggio alla scoperta di bellezze come Burano.

La riga nera sulla manica ne sottolinea definitivamente la capacità di essere alla moda e al passo con i tempi del brand Street Gang.

Alla felpa noi abbiamo abbinato il denim.

Un paio di jeans, sempre di Street Gang, che hanno un taglio perfetto e vestono i bambini in modo semplice e deciso.

Giorgio ha indossato questi jeans con la sua innata eleganza e il risultato è apparso subito come se fosse, per lui, il look più naturale del mondo.

Street Gang e la moda per bambini

Street Gang e la moda per bambini

Street Gang e la moda per bambini

Street Gang

Te lo consiglio questo look. Una felpa rossa, che abbia, però, qualcosa di particolare e un paio di jeans dal taglio classico, ma dal lavaggio e dai dettagli super moderni.

Vedrai che il tuo bambino apprezzerà e, come Giorgio, si dimenticherà di avere altro nell’armadio.

Io ti ho avvertita…

Le foto sono di Riccardo Polcaro e, ormai, credo tu lo abbia capito.

Alla prossima.

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.